Service


Le operazioni supportate sono elencate di seguito. Per una definizione formale, vedere la descrizione del servizio.


Questo servizio Web utilizza http://tempuri.org/ come spazio dei nomi predefinito.

Consiglio: modificare lo spazio dei nomi predefinito prima della pubblicazione del servizio Web XML.

Per ogni servizio Web XML è necessario uno spazio dei nomi univoco per consentire alle applicazioni client di distinguerlo dagli altri servizi disponibili sul Web. Per i servizi Web XML in fase di sviluppo è disponibile l'indirizzo http://tempuri.org/, ma quelli pubblicati devono usare uno spazio dei nomi permanente.

Il servizio Web XML deve essere identificato da uno spazio dei nomi controllato dall'amministratore. Ad esempio, è possibile usare il nome di dominio Internet della propria società come parte dello spazio dei nomi. Anche se molti spazi dei nomi di servizi Web XML sembrano URL, non fanno necessariamente riferimento a risorse effettive sul Web (gli spazi dei nomi dei servizi Web XML sono URI).

Per i servizi Web XML creati con ASP.NET, lo spazio dei nomi predefinito può essere modificato utilizzando la proprietà Namespace dell'attributo WebService. L'attributo WebService viene applicato alla classe che contiene i metodi del servizio Web XML. Nell'esempio di codice sottostante, lo spazio dei nomi viene impostato su "http://microsoft.com/webservices/":

C#

[WebService(Namespace="http://microsoft.com/webservices/")]
public class MyWebService {
    // implementazione
}

Visual Basic

<WebService(Namespace:="http://microsoft.com/webservices/")> Public Class MyWebService
    ' implementazione
End Class

C++

[WebService(Namespace="http://microsoft.com/webservices/")]
public ref class MyWebService {
    // implementazione
};

Per ulteriori informazioni sugli spazi dei nomi XML, vedere la raccomandazione W3C riguardante gli spazi dei nomi in XML (informazioni in lingua inglese).

Per ulteriori informazioni su WSDL, vedere la specifica WSDL (informazioni in lingua inglese).

Per ulteriori informazioni sugli URI, vedere la RFC 2396 (informazioni in lingua inglese).